Late ’70 – Colnago Super Pista – Restored

Colnago Super pista fine anni ’70s, particolare tubi carro post con dimensioni più grandi

Telaio – Colnago Super Pista

Gruppo completo – Campagnolo Record Pista

Cerchi – Nisi

Sella – 3ttt

Pipa e Piega – 3ttt

 

Annunci

1974 – Masi Gran Criterium – original condition

Bellissima Masi Gran Criterium portata nell’officina di Alberto per essere smontata e ripulita per tornare al suo originale splendore nonostante i 40 anni passati. Bicicletta completamente originale in tutti i suoi particolari, dalla verniciatura, classico champagne, a tutti i suoi componenti in particolare la guarnitura e il reggi sella pantografati Masi, le pedivelle e i manettini cambio alleggeriti. Unico pezzo non mantenuto originale la pipa 3 ttt pantografata Marnati.

Telaio – Masi Gran Criterium con forcella a doppia piastra

Gruppo – Campagnolo Nuovo Record

Cerchi – Martano

Guarnitura e Reggisela – personalizzati Masi

Sella – Cinelli Unicanitor

Pipa – 3 ttt con Logo Marnati

 

 

 

 

 

 

1968 – Masi Special – restored in Ferrari Red

Telaio  –  Masi Special 1968

Gruppo  –  Campagnolo Record, mozzi flangia alta senza scritta Record

Freni  –  Universal Mod.68

Pipa e Piega  –  3ttt

Sella  –  Brooks B17

Cerchi  –  Nisi

Collezione Stefano Bacchelli

1987 – Masi 3Volumetrica with Shimano Dura Ace 7400

Una Masi è per sempre, una bellissima volumetrica nell’elegante colore Saphirblau, tramandata da padre a figlio.

Telaio – Masi 3V

Gruppo – Shimano Dura Ace 7400  7 velocità

Pipa e Piega – 3ttt con ricopertura in pelle Almarc

Sella – San Marco Regal

Un grazie particolare a Giammaria e Papà, che mi hanno ospitato e assecondato per le riprese nel loro maneggio di Villa Scheibler in quel di Rho.

Special Guest, Maffy (labrador) & Doris

 

 

 

1973 – No Masi Special – Turri Special

Non è una Masi ma una Turri Special, Turri era un ciclista col negozio in sede a Gallarate e da giovane aveva corso in bicicletta,  con una Masi e conosceva bene il negozio e il grande maestro Faliero, non a caso in questa bicicletta si vede tutto quello che è caratteristico di una special, dalle grafiche e colore delle decal alla placca anteriore, dalla testa forcella ai pendenti post, naturalmente tutto con materiale meno pregiato nel tentativo di imitare la grande Special. Così nel 1973 venni in possesso di questa  special regalatami da mio padre e consigliatami nell’acquisto da un mio vicino parente Carugo Umberto  corridore anche lui e guarda caso con una Masi. Adesso dopo circa quarant’anni sono venuto in possesso di una Special del 1970, quella vera, che sto restaurando con l’aiuto del maestro Alberto e non vedo l’ora di metterla assieme alla Turri gelosamente conservata sino ad ora. Morale, non avviene tutto per caso e  i semi anche quelli seminati da altre persone se sono buoni prima o poi germogliano. Non è mai troppo tardi

 

 

 

 

Early ’70 – Masi Gran Criterium Nos

Una Masi Gran Criterium appena uscita dalla macchina del tempo – ( for sale on ebay )

Telaio – Gran Criterium Nos primi ’70

Gruppo – Campagnolo Nuovo Record Nos

Sella e Piega – Cinelli

Pipa – 3ttt pantografata Alberto Masi

 

 

 

Early ’80 – Gianni Motta Gold Crono Air with 50th

All’inizio degli anni ’80 l’aerodinamica diventò un “must” per i nostri costruttori di biciclette e con l’arrivo dei tubi a sezione ovale quasi tutti si sbizzarrirono nel prepararne una versione . Inutile elencarle o cercare di capire se tecnicamente aiutavano il corridore a guadagnare qualche secondo nelle cronometro, ma sta di fatto che tutto partì da li e per i collezionisti oggi sono tra le bici più ricercate. In queste foto mostriamo una stupenda Gianni Motta con tubi Air Columbus e sella aerodinamica Concor Profil.

Bicicletta di proprietà di TheBikePlace già apparsa su Flickr, messa a disposizione

P.S. –  Per la cronaca, in una tappa a cronometro nel Giro del 1980 , Saronno – Turbigo , fece ( non so se per la prima volta ) comparsa una di queste bici, con in sella “un certo” Bernard Hinault ( vedi foto in un mio post precedente 1980 – Bernard Hinault – Pink Jersey ). Ah la tappa la vinse “un certo” Giuseppe Saronni detto Beppe ( vedi foto in un mio post precedente Giuseppe Saronni – 1980 ) su una normale Colnago Mexico.

Come diceva Qualcuno: per andà in bicicleta che cunta a in i garuni .

 

 

 

 

 

1983 – 1984 – Alberto Masi 3V with Campagnolo Tullio Cinquantenario 50 th – classic version

Due marchi italiani che hanno fatto la storia delle biciclette da corsa nell’era dell’acciaio; al massimo della loro espressione in questa stupenda bicicletta.

Erano i tempi in cui il made in Italy in alcuni settori dava il meglio di se stesso e in questa bicicletta Masi ha voluto fare omaggio ad un imbarcazione che in quegli anni ci ha fatto sognare e ci ha tenuto incollati davanti alla televisione, anche di notte, Azzurra, nella bici rappresentata con la striscia azzurra e il tricolore che attraversano il nome Masi il tutto su un colore, acquamarina.