2017 – La Ramata Ritorna

Sarà perché è un periodo in cui il vintage riscuote successo, sarà perché alcuni brand hanno la storia con la S maiuscola da cui attingere, ma a mio parere, questa riedizione del ” Gioiello Ramato ” è cosa più che azzeccata. Bellissimo l’effetto di verniciatura color rame che viene valorizzato dalle superfici più ampie del telaio, in carbonio, rispetto ai tubi in acciaio della ” vecchia ” ramata, e altrettanto bello l’effetto cromatura di  manubrio, forcella e carro posteriore, sempre per riprendere la livrea del vecchio modello e infine anche le bellissime scritte bianche, che dire Wiva l’Italia Libera e Redenta

N.B – IL modello cento10air in foto non è ancora stato preparato, manca di nastratura sul manubrio ed il canotto sella non è ancora stato messo in misura, personalmente la vedrei montata con gruppo campagnolo SR 11v e ruote Bora Dark in perfetto “made in Italy ” . La bicicletta è stata fornita da Bicisport Brunelli, rivenditore Wilier in quel di Parabiago SS 33 del Sempione

 

Annunci

2017 – Argon 18 Gallium Pro Team Astana – by Bicisport Brunelli

Un’ altra bicicletta preparata nel negozio di biciclette di Massimo Brunelli a Parabiago partendo da un telaio e  da componentistica di eccellenza il tutto per raggiungere il peso di 6,115 kg

 

Telaio – Argon 18 Gallium Pro – Team Astana

Gruppo – Sram Red eTap

Ruote – Corima S+

Pipa & Piega – Zipp

Reggisella – Zipp

Sella – San Marco Aspide Carbon FX

 

2017 – Wilier cento10 air by Bicisport Brunelli

Cento10AIR rivoluziona i concetti di aerodinamica. Ricerche, studi e test hanno ridefinito il design dei profili del telaio, uscendo dalla regola che più sottili essi sono, più sono aerodinamici. Ora il telaio è stato pensato per spingere al massimo dell’efficienza l’intero sistema bici.

Telaio      –     110 Air modello 2017 taglia M

Gruppo   –    Sram Red eTap

Ruote      –    Mavic Cosmic ultimate

Peso        –     6,800 Kg

 

 

 

1970 – Masi Special custom

Bicicletta costruita a cavallo tra gli anni 60 e 70 come Special, riverniciata in un secondo momento con decal Gran Criterium. Particolare il carro posteriore con fessura per irrigidimento e il montaggio dei parafanghi per scelta del cliente. Esemplare unico la placca sui freni, era stata data in prova da Tullio Campagnolo ad Alberto Masi, serviva per il centraggio ma non è mai stata prodotta.

Collezione Simone D’Urbino

 

1989 – Atala Campagnolo Claudio Vandelli

Bicicletta del team Atala per prove su strada, nelle gare di ciclocross molto probabilmente Vandelli usava un telaio Alan ( molto usato in quel periodo nel ciclocross per la sua adattabilità ai terreni sconnessi ) marchiato Atala.

Collezione Thebikeplace