2016 – Masi Milano with Sram Red eTAP – Back to the Future

Non capita tutti i giorni di vedere una bicicletta così, un telaio old style, di nuova produzione, con il meglio della componentistica disponibile oggi sul mercato. Ebbene si anche questa volta il Maestro mi ha stupito, uno splendido telaio, naturalmente con tutti i componenti, congiunzioni, forcellini, forcella, dello scorso secolo, predisposto per ricevere il nuovo gruppo della Sram  “elettronico” . So che a tanti non piacerà, i puristi vedrebbero il telaio montato con un bel gruppo nuovo record, e le nuove generazioni vorrebbero l’eTap su un telaio di nuova produzione in carbonio, ma quando vedo i particolari del nodo sella tipo Cinelli ( per i più anziani) con il canotto sella Neos da 27.2, Cinelli, mi si apre il cuore e penso che il vecchio e il nuovo possono benissimo convivere assieme.

Bicicletta commissionata ad Alberto dal S.ig Vittorio. A lui il piacere delle sensazioni di pedalare su questa bicicletta.

 

Annunci

Early ’50 – Masi Milano Woman Superleggera

Commissionata  a Faliero, nei primissimi anni ’50, dal campione della pista Antonio Maspes per la moglie Liliana, questa bellissima bicicletta seppur destinata allo svago racchiude tutta l’esperienza maturata nelle biciclette da competizione del marchio Masi. Riportata al suo aspetto originale dalle mani di Alberto e la cura di Luca si possono notare i particolari che la rendono unica; la congiunzione del nodo sella adattata ad accogliere il solo tubo verticale, le congiunzioni del tubo superiore trasversale, la testa forcella, niente da invidiare a una Speciale Corsa.

 

Telaio – Masi Milano Donna

Cambio – Campagnolo Gran Sport

Mozzi – Campagnolo

Reggi sella – Campagnolo

Freni – Universal

Para catena – Simplex

Manubrio – Cinelli

Sella – Brooks

 

Late ’40 – Masi Milano due leve Superleggera

Un altro pezzo di storia delle biciclette Masi, ritrovata in un mercatino e rimessa in piedi, scusate… sulle ruote, da Alberto Masi. Questa bicicletta si può collocare fra le prime costruite da Faliero in quel di Milano, lo si deduce dalle decal e dal fregio ambedue Masi Milano che precedono quelle della Speciale Corsa, altro particolare la filettatura sul lato della forcella anteriore, parte inferiore, per l’attacco del parafango.

Telaio – Masi Milano superleggero

Deragliatore Posteriore – Campagnolo Due Leve

Guarnitura – Magistroni

Freni – Universal

Mozzi – Campagnolo

Sella – Brooks modificata da Ottusi

Pipa e Piega – Ambrosio